.
Annunci online

Kazantou
Fly with me...


Diario


28 dicembre 2006

Candela

Quando ci sentiamo soli, è come vivere in un ambiente illuminato da poche candele: non abbiamo idea di quanto sia grande il posto in cui ci troviamo, e siamo in grado di vedere solo poche cose, perlopiù di scarsa importanza.La comparsa, nella nostra vita, di una persona importante, è come il sorgere di un sole che, improvvisamente, rivela tutto ciò che non riuscivamo a capire o vedere. Presto ci rendiamo conto di quanto grande fosse in realtà il posto in cui ci trovavamo, ed ora tutto è più chiaro, e non abbiamo più esitazioni nel muoverci. Tuttavia, soprattutto all'inizio, abbiamo anche paura che, questa luce così bella di colpo svanisca, e faremmo qualunque cosa, anche avventata e stupida, affinchè ciò non accada. Ci sentiamo, comunque, felici.
Ma, se un giorno questa persona dovesse realmente allontanarsi da noi, allora subito ripiomberebbero il freddo e le tenebre. Una acuta sofferenza ci impedirebbe di vedere qualsiasi cosa, e immagineremmo di passare il resto della nostra vita nel vuoto... Invece, non appena i nostri occhi si saranno riabituati al buio, ci renderemmo conto che le nostre candele, in realtà, non si sono mai spente: semplicemente, con tutta quella luce, non prestavamo loro alcuna attenzione. Adesso, quelle stesse candele, che prima abbiamo trascurato, rappresentano i punti di riferimento per la nostra vita. In attesa che torni il sole.





permalink | inviato da il 28/12/2006 alle 3:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        febbraio
 
 




blog letto 21400 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Foglie di Aprile

VAI A VEDERE



CERCA